Tutto quello che c'è da sapere sulla filiera di produzione di cippatino, a cura di iBioNet spin off accademico dell'Università degli Studi di Firenze

venerdì 4 agosto 2017
Tutto quello che c'è da sapere sulla filiera di produzione di cippatino, a cura di iBioNet spin off accademico dell'Università degli Studi di Firenze

L’Italia consuma circa il 40% del pellet utilizzato in Europa: 3,3 milioni sui 7 milioni di tonnellate annue totali (di cui 4 milioni certificati ENplus). Purtroppo tale fabbisogno nazionale è coperto per quasi il 90% da importazioni provenienti da almeno 40 Paesi, con la netta dominanza di Austria, Germania e Croazia (AIEL, 2015).

Si tratta di un mercato in esponenziale espansione soprattutto in contesti rurali. L'ultimo report ISTAT sui consumi energetici delle famiglie rileva infatti che circa 56% del pellet impiegato in Italia è utilizzato in impianti civili ubicate in Comuni montani con popolazione inferiore ai 50.000 abitanti (ISTAT - report sui consumi energetici delle famiglie nel 2013), quindi in aree dove sussiste una tradizione consolidata legata all'uso di biomasse locali: la legna da ardere.

L'introduzione del pellet può quindi modificare profondamente le economie locali tradizionalmente basate su un mercato locale di legna da ardere e su imprese a carattere familiare. E' infatti plausibile ipotizzare che buona parte del pellet consumato vada a sostituire i consumi di legna da ardere locale. Nella peggiore delle ipotesi i pellets consumati in aree montane toscane (circa 47.000 t/anno ) potrebbero determinare una riduzione dei consumi di legna da ardere, pari a 70-80.000 t/anno, determinando una contrazione del mercato locale delle legna da ardere tra i 7 M€ e gli 8 M€.

Nella giornata di sabato 16 settembre, a Boster nord est iBioNet spin off accademico dell'Università degli Studi di Firenze  curerà l'intervento sulla filiera di produzione di cippatino.

All’interno dell’intervento verranno trattate le attuali dinamiche di mercato di legna da ardere e pellet, nonché le potenzialità del mercato del cippatino e delle diverse filiere produttive. In particolare sarà illustrato il sistema “fabbrica del cippatino” che è in fase di realizzazione presso un consorzio forestale toscano.

Fonte: Ufficio Stampa Boster nord est 2017

Patrocini